Calcio in vela

Domenica 24 maggio: gli ingredienti giusti c’erano tutti: un gruppo di ragazzi affiatati, una giornata calda e solare e la splendida  cornice del lago di Caldonazzo.

Così ha avuto inizio l’incontro di avvicinamento alla vela voluto dalla nostra società assieme all’Associazione Velica Trentina per offrire la possibilità ai nostri giovani ragazzi di aprire una finestra sulle emozioni che lo sport della vela comunica.

Navigare in uno dei nostri laghi a pochi chilometri da casa nostra, a stretto contatto con la natura, orzare, virare, cazzare,veleggiare, scoprire visuali nascoste del lago, scivolare sull’acqua è stata un’esperienza davvero unica per tutti i nostri giovani atleti; esperienza che ci ha dato la possibilità non solo di conoscere il lago di Caldonazzo da un punto di vista completamente diverso, ma anche di godere di quelle sensazioni di libertà, di tranquillità, di relax e perché no anche di avventura che solo una gita in barca a vela può offrire, basta essere a bordo ed i continui contrasti tra il vento e le onde, tra la terra ed il  lago fanno vivere ogni volta sensazioni diverse ed affascinanti.

Grazie alla pazienza e la competenza di Roberto Emer e di Vittorio Bortolotti i nostri ragazzi sono stati coinvolti in prima persona nel governo dell’imbarcazione, nella regolazione delle vele ed al timone; tra una “strambata” ed una “virata” gli stessi termini sono diventati man mano sempre più familiari ai nostri ragazzi.

L’U.S. Borgo vuole dunque ringraziare il presidente Roberto de Bernardis ed il suo vice Herbert Hörterich per l’accoglienza e la simpatia con cui sono stati accolti tra le mura dell’Associazione Velica, mondo quest’ultimo che è tutto … tranne che snob e d’elite.

Un ringraziamento particolare va al segretario  Roberto Bolognini e ad Emilio Marzaroli che ci hanno scarrozzato sul gommone e ristorati direttamente in mezzo al lago e dulcis in fundo all’ammiraglio Dalmazio Sauro il cui aspetto carismatico sembrava provenire direttamente dalle pagine di un romanzo d’altri tempi.

Spesso c’e’ un certo timore verso la barca a vela, la si vede come uno sport adatto a pochi, invece è accessibile a tutti, anche a chi non l’ha mai praticato e per chi desidera avvicinarsi all’appassionante mondo della navigazione a vela qui si ha davvero la possibilità di imparare a governare una barca in tutta sicurezza e la “Velica” offre i corsi più adatti a provare le emozioni del mare o nel nostro caso ….. del lago.

Il nostro consiglio? è quello di provare … non ne rimarrete delusi.

A Villa Agnedo l’Enduro Husqvarna Cup

VILLA AGNEDO – Quattro anni fa ha avuto il merito di riportare in vita l’enduro dopo anni di stop, quest’anno il Moto club Civezzano ha pure portato in Trentino una gara di validità nazionale, l’Enduro Husqvarna Cup, alla quale è stata affiancata una prova del campionato regionale, che avevano come teatro l’ormai tradizionale percorso di gara ricavato a Villa Agnedo. Una giornata dagli elevati contenuti tecnici (250 piloti al via), che ha avuto come protagonista assoluto il trevigiano Marco Feltracco, campione italiano major in carica e particolarmente a suo agio anche nelle due prove speciali e nella prova in linea proposte dal sodalizio trentino. L’alfiere del Moto club Gaerne ha fatto registrare il miglior tempo assoluto, fermando il cronometro sul tempo complessivo di 18’00”00, a diciotto secondi il rivale toscano Andrea Serafini. In chiave regionale buona prova per Roberto Dellai del Moto club Civezzano, che ha concluso tredicesimo nella classe E2. Il quarto trofeo 3H Costruzioni, al più veloce nella gara regionale, è stato appannaggio dell’altoatesino Christoph Gatschner che ha fatto registrare il tempo assoluto di 18’29”77. Nelle classifiche di categoria, alle quali hanno partecipato anche piloti triveneti, si sono distinti Enrico Casagrande del Ferlu Racing Team che ha vinto la cadetti classe A, Simone Moletta del Mc Civezzano dominatore della cadetti classe Z, e ancora Christoph Gatscher del Ferlu che, oltre ad aver ottenuto la migliore prestazione assoluta, ha fatto sua la classe M1, quindi gli esperti e sempre talentuosi Stefan Schrock, primattore nella classe M3 ed Eugenio Dal Sasso, che ha portato a casa il successo nella classe V. Di seguito i vincitori nelle varie categorie in programma. ASSOLUTA: 1. Marco Feltracco (Gaerne) 18’00”0 CLASSE E1: 1. Andrea Serafini (Vernio) 18’18”34 CLASSE E2: 1. Alessandro Bottazzi (Trial Fornaroli) 18’56”44. CLASSE E3: 1. Matteo Cantoni (Foligno) 18’19”70. CLASSE OSPITE: 1. Marco Feltracco (Gaerne) 18’00”00. REGIONALE ASSOLUTA: 1. Christoph Gatscher (Ferlu) 18’29”77. REGIONALE CADETTI CLASSE A: 1. Enrico Casagrande (Ferlu) 21’35”68. REGIONALE CADETTI CLASSE Z: 1. Simone Moletta (Divezzano) 22’51”18. REGIONALE CLASSE JS1: 1. Eric Rebellato (La Marca) 19’06”82. REGIONALE CLASSE JS2: 1. Riccardo Cavalli (La Marca) 18’56”65. REGIONALE CLASSE JS3: 1. Diego Pederiva (Gaerne) 19’53”30. REGIONALE CLASSE M1: 1. Christoph Gatscher (Ferlu) 18’29”77. REGIONALE CLASSE M2: 1. Luigi Cogato (Dolomiti) 19’30”71. REGIONALE CLASSE M3: 1. Stefan Schrock (Dolomiti) 19’36”83. REGIONALE CLASSE V: 1. Eugenio Dal Sasso (Dolomiti) 20’30”29.